Pisa: “Case popolari: priorità assoluta un piano per la sicurezza e le manutenzioni”

Dopo la caduta di un solaio in una casa popolare a Gagno, anche in alcuni appartamenti in via Pungilupo si è verificato il crollo di alcuni calcinacci. Anche in questo caso si tratta di un fatto annunciato, viste le numerose segnalazioni fatte negli anni dagli abitanti. 


Da tempo denunciamo, insieme a sindacati degli inquilini e comitati di quartiere, la necessità di interventi urgenti sulle case popolari nel Comune di Pisa. Serve un serio e costante monitoraggio degli alloggi, con interventi mirati e immediati, specie laddove la situazione è più critica. Al riguardo abbiamo presentato una interpellanza urgente in merito alla mappatura degli immobli Erp, che necessitano di interventi urgenti di manutenzione straordinaria. Si tratta di un documento che Apes ogni anno deve inviare alla Regione: è stato inviato? Cosa contiene? Cosa è stato realizzato nel frattempo?


Ma serve anche finanziare un piano di riqualificazione di tutto il patrimonio immobiliare pubblico che, evidentemente, in troppi casi versa in condizioni inadeguate: decine di famiglie pagano canoni per case popolari che non sono in alcun modo dignitose e che espongono a rischi per la salute le persone che vi abitano.


Servono poi risorse adeguate per incrementare ulteriormente gli alloggi popolari e potenziare il personale degli uffici, altamente insufficiente e dunque non in grado di rispondere ai bisogni e alle domande crescenti.


Servono misure per proteggere le famiglie che vivono in affitto, nel caso di “morosità incolpevoli”: attraversiamo una crisi sociale ed economica molto pesante, destinata a divenirlo sempre di più. 


A fronte di questo, l’assessora Gambaccini pensa che la soluzione sia unicamente l’approccio vessatorio e colpevolizzante, sancito in un nuovo protocollo tra Sepi e Apes, che dà mandato alla prima di recuperare le morosità. Da settimane chiediamo di avere questo documento, senza però alcun esito. 


Da parte nostra, continueremo a monitorare la situazione delle case popolari, proponendo nella prima variazione di bilancio uno stanziamento straordinario dedicato. 


Diritti in comune: Una città in comune – Rifondazione comunista – Pisa Possibile

Visualizza e commenta questo comunicato sulla nostra Pagina Facebook –> https://www.facebook.com/rifondazionecomunista.pisa/posts/3368545039899013

L'immagine può contenere: il seguente testo "SIAMO del Fuo A PEZZI IL DIRITTO AD UNA CASA DEGNA PRIMA DI TUTTO AZION OTTA COMUNE n"

LA SCUOLA DELLA COSTITUZIONE VA DIFESA, SOPRATTUTTO IN QUESTA EMERGENZA

Scuola, ripartenza senza certezze tra personale e strutture: la denuncia di  Rifondazione | ekuonews.it

Ieri pomeriggio, mercoledì 14 ottobre, in gran parte delle principali città italiane si è svolto un presidio organizzato dai comitati dei precari della scuola e dalle organizzazioni sindacali del comparto (FLC-CGIL, Cisl, Uil, SNALS , Gilda, Cobas Scuola): la mobilitazione, che a Pisa si è svolta davanti alla Prefettura, ha e ha avuto come obiettivo il concorso nazionale che si svolgerà tra poche settimane, nonostante la condizione di emergenza drammatica in cui il nostro Paese si trova, con il mondo della scuola schierato in prima linea, e che proprio per questo non può essere effettuato in sicurezza.


Di fronte al fabbisogno reale di docenti e personale ATA, presenza già insufficiente a condizioni “normali” ma aggravata dall’ulteriore carico di mansioni e degli sforzi ad ora necessari a poter gestire correttamente il contenimento del contagio, le carenze del Ministero dell’Istruzione si vanno facendo sempre più evidenti: in particolare in merito al reclutamento del personale, la Ministra Azzolina ha assunto una posizione rigida e inflessibile, intestardendosi a voler svolgere un concorso in condizioni incerte mentre nelle scuola ancora mancano docenti. Le procedure di assegnazione degli incarichi, quest’anno particolarmente macchinose, opache e piene di errori, non sono state coordinate con la ripresa delle attività scolastiche in presenza.


La richiesta dei precari di rinviare di qualche mese il concorso è fondamentale per evitare un sostanziale svuotamento delle classi: migliaia di docenti supplenti dovranno raggiungere sedi di concorso anche fuori regione, molti utilizzeranno mezzi di trasporto collettivi (treni, pullman) con il rischio di venire a contatto con persone positive, mentre coloro che si trovano già in isolamento o in quarantena non potranno svolgere il concorso.


La richiesta delle OO.SS. – già a partire dall’estate – è quella di immettere in ruolo tutti i precari con almeno tre anni di servizio alle spalle, evitando così tutte le problematiche che stanno nascendo in questa situazione drammatica, che rischia di peggiorare ulteriormente: come Rifondazione Comunista, pur riconoscendo la necessità di individuare procedure di reclutamento che siano conformi al dettato costituzionale per cui ai ruoli pubblici si accede tramite concorsi, esprimiamo piena solidarietà ai precari della scuola che da anni lottano per un riconoscimento del proprio ruolo e per la stabilizzazione del proprio posto di lavoro, senza che questo si trovi a confliggere con la propria sicurezza personale e a scapito della tutela della salute, propria e degli studenti.


Rifondazione Comunista esprime, inoltre, un giudizio fortemente critico verso l’operato del Ministro Azzolina che in quattro mesi – da maggio a settembre – non è riuscita a fornire indicazioni efficaci e univoche per organizzare il tanto proclamato rientro a scuola in sicurezza, non garantendo neppure che il personale fosse in numero adeguato fin dai primi giorni: ci siamo attardati per mesi a discutere di banchi e di poltroncine a rotelle (peraltro in buona parte non ancora consegnati) mentre la questione essenziale di garantire il diritto allo studio a milioni di studenti e studentesse e il diritto al posto di lavoro per decine di migliaia di docenti e ATA, non è stato affrontato con la dovuta serietà.


La scuola è un’istituzione decisiva per la tenuta democratica del nostro Paese: se non si garantisce la qualità della didattica e la tutela della sicurezza – sia personale, di salute, che lavorativa – agli studenti, alle studentesse, al personale educativo, docente e ausiliario, rischiamo che l’intero sistema sociale subisca dei traumi irreversibili.


Per questo, Rifondazione Comunista sostiene le lotte dei precari, chiede la momentanea sospensione dello svolgimento del concorso che non potrebbe svolgersi – ad oggi – in modo da garantire né la sicurezza né la equa condizione a tutti e tutte i e le concorrenti e, infine, di elaborare ed individuare modalità di reclutamento adeguate a garantire sia la prescrizione costituzionale che le condizioni di sicurezza e certezza per decine di migliaia di lavoratori e lavoratrici del mondo della scuola pubblica. 

Rifondazione Comunista – Federazione di Pisa

Giovani Comunisti/e Pisa

Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea
Federazione di Pisa
via Giovanni Battista Picotti, 19 – 56124 PISA
www.rifondazionepisa.it/ricominciamo_di_nuovo/
e-mail: info@rifondazionepisa.it – Cell 3388855704
MPS iban: IT29O0103025300000000775095
P.I. : 93019260509

PRC: “AUGURI DI BUON LAVORO A BETTI: ORA AMMINISTRI GUIDATO DA UNA REALE CULTURA DI SINISTRA, UNICO ANTIDOTO AL RITORNO DELLE DESTRE”

La netta vittoria al ballottaggio dello schieramento di centrosinistra, guidato da Michelangelo Betti, rappresenta la possibilità di una svolta reale ed efficace per il secondo comune più grande della nostra provincia.
Ma aver ricacciato indietro la peggiore destra, che per cinque anni non ha amministrato Cascina ma ha solo sfruttato la zona come trampolino di lancio delle proprie carriere personali, non basta. 
Consapevoli che questo appuntamento elettorale destava non poche preoccupazioni nell’elettorato di sinistra, sia cascinese che dell’intera area pisana, come forza politica abbiamo cercato di lavorare ad una ricomposizione dell’area nel momento in cui il dialogo è tornato sul piano della proposta politica: troppo presto, infatti, nei mesi precedenti al voto, tra le compagini di sinistra questo era stato abbandonato per inseguire una corsa al nome, alle forzature, dimenticando la sostanza e la pratica politica.

Diamo atto a Betti, invece, di non essersi risparmiato nei 15 giorni di incontri e confronti in vista del ballottaggio, dimostrandosi pertanto in grado di riallacciare il legame con tutte le diverse sensibilità della sinistra, anche comuniste, cascinesi. Seppur nel mutuo riconoscimento delle differenze, le diverse anime si sono così unite nella volontà di dare vita ad una nuova fase politica per il territorio cascinese.

Rifondazione comunista augura a Michelangelo Betti un buon lavoro, senza dimenticare che continueremo con il nostro lavoro di partecipazione, con passione, determinazione e senza mai perdere di vista i nostri valori e il nostro obiettivo di costruire una società che tutela e garantisca il soddisfacimento dei diritti e le migliori condizioni di vita delle persone.
Lo faremo dentro il consiglio comunale, tramite la presenza vigile e attenta di Fabio Poli, il candidato sindaco che abbiamo sostenuto nella prima tornata elettorale; ma lo faremo soprattutto e direttamente nelle frazioni, nei circoli, tra la gente, vigilando e garantendo che l’accordo siglato con le altre liste venga rispettato, nella valorizzazione di ciascuna delle anime che compongono la maggioranza istituzionale: unica soluzione, questa, per un futuro sempre più inclusivo e di sinistra, che allontani il mostro dell’odio e dell’intolleranza che hanno guidato – e altrove guidano – la destra più reazionaria nella sua pratica amministrativa. 

All’orizzonte non può più esserci spazio per i fascisti al governo.

Al lavoro e alla lotta!  

Rifondazione Comunista


https://www.facebook.com/rifondazionecomunista.pisa/posts/3333661856720665

Solidarietà a Salvatore Catello, inaccettabile mettere in discussione il suo posto di lavoro per la candidatura a Presidente della Regione

🔴 Il mondo del lavoro sempre più precario e le forme contrattuali sempre meno tutelanti con cui ci costringono a lavorare, mettono ogni giorno troppi uomini e troppe donne sotto ricatto: questo vale, purtroppo, anche per i compagni e le compagne che scelgono, nonostante tutto, di esporsi politicamente, arrivando perfino a subire inaccettabili ripercussioni sul proprio luogo di lavoro.

È notizia di questi giorni che della stessa sorte sia stato vittima Salvatore Catello, candidato Presidente alle ultime elezioni regionali per il Partito Comunista, che per questo non ha avuto il rinnovo contrattuale. Per l’ennesima volta, la repressione padronale si scaglia contro chi cerca di alzare la testa.

Una notizia, questa, che in anni diversi avrebbe suscitato scalpore ed indignazione, ma che oggi e alle condizioni a cui siamo ormai abituati, sta passando sostanzialmente inosservata: ecco il segno dei tempi che tutti e tutte viviamo.

Nonostante le evidenti differenze che contraddistinguono i nostri due partiti, come compagni e compagne di Rifondazione Comunista siamo tutti dalla stessa parte e siamo a disposizione per tutte le iniziative che si costruiranno intorno a Salvatore per non lasciarlo solo.

A Salvatore, compagno e lavoratore, va la nostra solidarietà, senza se e senza ma.


Rifondazione Comunista – Federazione di Pisa

L'immagine può contenere: 1 persona, spazio all'aperto

VERSO IL BALLOTTAGGIO A CASCINA

Prc su ballottaggio a Cascina: “A sostegno di Betti per sconfiggere la destra, politiche di governo in discontinuità con il passato”  


L’esito della prima tornata delle elezioni amministrative di Cascina, ci ha consegnato un ballottaggio dagli esiti non scontati. Lodevole l’impegno del candidato Michelangelo Betti che ha subito aperto, all’indomani del voto, un dialogo largo con le liste lontane dalle destre ma che, al primo turno, non facevano parte della coalizione del centrosinistra.

Come Rifondazione Comunista e come forza che si è presentata a sostegno della lista Lavoro Sviluppo Ambiente per Fabio Poli sindaco, abbiamo preso parte all’incontro con il centrosinistra: un incontro positivo, nel corso del quale il Partito Democratico si è mostrato disponibile verso i temi politici che poniamo da anni, dimostrandosi aperto alla possibilità di intraprendere scelte in controtendenza con quelle del passato. In particolare nei confronti delle esternalizzazioni dei servizi,  della scarsa attenzione e al basso investimento di risorse nel sociale e nella cultura: scelte scellerate che hanno favorito negli anni l’ascesa delle destre.

Rifondazione Comunista accoglie quindi positivamente l’allargamento della coalizione di centrosinistra e fa un plauso a Michelangelo Betti che si pone in questo modo come elemento costruttivo per un necessario argine politico alla destra rappresentata da Leonardo Cosentini, che si pone al contrario in piena continuità con la deprimente amministrazione Ceccardi-Rollo, la prima della Lega in Toscana.

Il nostro partito, indipendentemente dalla presenza diretta all’interno dell’amministrazione Betti, vigilerà dentro e fuori l’Istituzione cascinese e parteciperà con proposte concrete per l’attuazione di buone politiche di governo, innanzitutto a favore di chi subirà più di altri gli effetti di questa crisi sanitaria ed economica.  

Rifondazione Comunista
Circolo di Cascina
Federazione di Pisa


Trento, pakistano sequestra e tenta di stuprare una 27enne nella sede di  Rifondazione Comunista: condannato - Rassegne Italia

CHIUDIAMO INSIEME LA CAMPAGNA ELETTORALE

Ci vediamo VENERDI’ 18 SETTEMBRE 2020, alle ore 19:00 al CIRCOLO ARCI PISANELLO (via Marsala 2, Pisa) a brindare insieme e chiudere tra compagni e compagne la campagna elettorale per le elezioni regionali 2020

con:
_ GIOVANNI BRUNO, candidato per la circoscrizione di Pisa
_ DANIELLA VANGIERI, candidata per la circoscrizione di Pisa
_ ALESSANDRO FAVILLI, segretario regionale del Partito della Rifondazione Comunista


Invita tutti i tuoi contatti Facebook all’evento –> https://www.facebook.com/events/1054848434962362

Verso il voto del 20 e 21 settembre


AL REFERENDUM COSTITUZIONALE che chiede di tagliare la democrazia e la rappresentanza e non i privilegi e il mal funzionamento del nostro Parlamento: IO VOTO NO

Alle ELEZIONI REGIONALI Rifondazione Comunista sostiene la lista TOSCANA A SINISTRA per Tommaso Fattori Presidente, invitando a BARRARE la doppia preferenza di genere (un uomo e una donna) per i nostri compagni GIOVANNI BRUNO e DANIELLA DOMINICA VANGIERI







E alle ELEZIONI AMMINISTRATIVE di CASCINA

a sostegno dei nostri compagni:

_ CESCHIA Tiziano
_ MONTAGNANI Mauro (detto Valerio)
_ SCATENA Giada

SU LA TESTA – tre giorni di festa a PISA

Il CIRCOLO PRC LUCIANO TURINI di Porta a Mare, Pisa, organizza: 


SU LA TESTA – tre giorni di festa a PISA – 4.5.6. SETTEMBRE
CIRCOLO ARCI LA VETTOLA (PISA) 

Nel rispetto di tutte le norme previste per far fronte all’emergenza Covid-19. Tutte le sere dalle ore 20:00 ristorante a prezzi popolari.
PRENOTAZIONE RACCOMANDATA al 3384251882 o 3293170387
o al circolo 050961117 –


Il programma delle iniziative:

  • Venerdì 4 settembre

CORONACAPITALISM

Un dialogo col segretario nazionale di Rifondazione Comunista MAURIZIO ACERBO sul rapporto fra Coronavirus e capitalismo
con Paola Bigongiari e Danielle Vangieri 

  • Sabato 5 settembre

COME RIPARTE L’ALTERNATIVA A PISA
Tavola rotonda a più voci sulle prospettive di rilancio dell’opposizione alla giunta fascioleghista pisana.
Saranno presenti
– Emanuela Amendola (Possibile)
– Tiziana Nadalutti (Una Città in Comune)
– Federico Oliveri (Rifondazione Comunista)
– Ciccio Auletta (Consigliere comunale Diritti in Comune) 

  • Domenica 6 settembre

REGIONALI 2020. RIFONDAZIONE COMUNISTA C’É
Presentazione delle candidature di Rifondazione Comunista nel collegio PISA nella lista TOSCANA A SINISTRA.
Saranno presenti Giovanni Bruno e Danielle Vangieri.
Conclude Alessandro Favilli (Segretario regionale Rifondazione Comunista Toscana)


Partecipa e invita a partecipare all’evento Facebook –> https://www.facebook.com/events/347380513085516

Ciao Michele, ciao compagno

Lettera Aperta di Claudio Bolelli a Giovanni Frullano

Claudio Bolelli, ex consigliere comunale di Rifondazione Comunista scrive una lettera aperta a Giovanni Frullano, commissario della Lega San Giuliano

***

Caro Frullano,

mi rammento che quando entrambi facevamo parte del Consiglio Comunale di San Giuliano (tu per la destra ed io per Rifondazione comunista) prendemmo una posizione comune a favore dei bambini Rom.

Allora la cosa fece un certo clamore perché tu addirittura bypassasti le posizioni più moderate del PDS per approvare una mozione a favore di quei bambini, dicendo – se ben ricordo – che la destra era dalla parte di chi rispettava quelle creature innocenti.

Oggi leggo che una consigliera comunale della Lega (partito che tu rappresenti a livello comunale) la quale addirittura è stata assurta ad un’ importante carica all’ interno del Consiglio comunale, ha proferito alcune vergognose affermazioni contro altri bambini Rom.

Poco importa se la consigliera, con la viltà tipica di chi teme le conseguenze del suo gesto, abbia successivamente chiesto scusa, giustificando le sue affermazioni dicendo che erano state mal comprese e che le sue intenzioni erano altre.

Voce dal sen fuggita, si diceva una volta, e di sicuro a te, per come ti ho conosciuto sia come Consigliere comunale che come Collega, tali espressioni non sarebbero uscite neppure per sbaglio.

Comunque ora hai la responsabilità politica di un partito.
Non puoi far finta di nulla ed accodarti nella vile rappresentazione di una sciagurata, che, per propria ammissione, non si rende conto di quello che dice.

La consigliera non solo deve rimettere la carica che ricopre ma esser invitata da chi la ha fatta eleggere a dimettersi dal Consiglio comunale e, se il Partito che rappresenti è seriamente antirazzista, esser espulsa da esso.
Questo mi aspetto da te, persona che fino ad ora, al di là delle diverse posizioni politiche, ho stimato umanamente.

Ti dirò di aver disposto una denuncia nei confronti della signora Taccini perché si proceda nei suoi confronti per il reato ex art. 604 bis del codice penale.


Non intendo darti consigli, ma penso che, nel caso che si incardini un procedimento penale, avrei piacere di averti accanto a me come parte civile per chiedere la condanna di chi – se l’ antirazzismo della Lega non sono chiacchiere – ha danneggiato la forza politica che rappresenti.


Cordialmente,
Claudio Bolelli

How to tell which Kiwi children are living in poverty | Stuff.co.nz